martedì 14 maggio 2019

Trenta cigni reali trovati morti per colpa del pane





Una trentina di cigni reali (Cygnus olor) sono stati trovati morti in un canale dell'Alsazia (Francia) a causa del pane donato loro dai passanti. 

A ucciderli è stata un'infezione intestinale (enterite) causata da batteri del genere Clostridium, che proliferano nel pane marcescente sul fondo dell'acqua. 
A determinare l'esatta causa della morte degli uccelli sono stati i veterinari dell'Ufficio nazionale per la caccia e la fauna selvatica (ONCFS), che hanno condotto esami necroscopici su alcune delle carcasse recuperate dopo essere stati allertati dai volontari dell'Alsace Animal Protection League (LPO). Tutti i cigni analizzati mostravano i segni della grave infezione.

Pane letale
In molti, contravvenendo a quanto indicato sui cartelli di ville, parchi e aree protette, gettano il pane in acqua a cigni, anatre e altri uccelli acquatici credendo di far loro un "piacere". Ma si tratta dell'esatto opposto. Questi animali, infatti, non tollerano il glutine e il sale presenti nel pane e in altri prodotti da forno, che purtroppo divorano avidamente quando viene loro lanciato. 
Abituandosi a questo alimento vanno incontro a malformazioni ossee; scarsa impermeabilità del piumaggio e malattie del fegato causate da un vero e proprio avvelenamento, che si accompagna a varie carenze alimentari. Il rischio maggiore è soprattutto nelle quantità, come dichiarato dagli esperti dell'ONCFS; ci sono persone che lanciano in laghetti e simili interi sacchi di pane raffermo, che ovviamente gli uccelli non riescono a mangiare tutto assieme.
Quello che affonda catalizza l'invasione di batteri alla stregua dei Clostridium, che causano malattie come l'enterite che ha sterminato i cigni reali in Francia. 

Aiuto possibile
Al termine della rigida stagione invernale i cigni – così come altri uccelli – possono essere decisamente indeboliti, inoltre diventano molto più aggressivi con i conspecifici a causa dell'avvio della stagione riproduttiva, fattori che possono determinare un sensibile aumento della mortalità. 
Ma i troppi esemplari trovati morti a Erstein suggerivano un'altra origine; non a caso qualcuno aveva pensato anche all'influenza aviaria. Ma come indicato, è stata solo l'ingenuità (a volte in buona fede, altre no) delle persone che hanno provato a nutrire i cigni con il pane. 
Gli esperti dell'ONCFS sottolineano che se davvero si vuole aiutare questi animali in inverno, si può dar loro – e solo dove è consentito – mais crudo, grano e insalata verde, come la lattuga romana. 

fonte articolo: https://scienze.fanpage.it/trenta-cigni-reali-trovati-morti-per-colpa-del-pane-lallarme-dei-biologi-non-datelo-loro/
 
Spero con questo articolo di sensibilizzare anche voi, perchè io stessa non sapevo questa cosa ed ammetto di avere lanciato a volte pane a cigni, ma anche anatre ....invece anche per loro non va bene! Così come non va bene dare molliche di pane agli uccellini!
Quindi attenzione, seguite i consigli e lanciate loro solo alimenti giusti!  

8 commenti:

  1. Oh poveri cigni... sulle rive dei nostri laghi ci sono tanti cartelli che proibiscono di dare cibo agli animali ma molta gente li ignora...forse bisognerebbe spiegare meglio il perchè come hai fatto benissimo tu in questo post!

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che brutta notizia, poveri cigni. Questo post è davvero utile, sebbene mi faccia male leggerlo. Buona serata, Fiore.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. Cara Fiore, tanti anni quando ancora c'erano nel parco di Miramare i cigni nel laghetto ed erano amatissimi dai triestini. Accanto al laghetto c'era un cartello con il divieto di dare cibo ai cigni. Allora nessuno sapeva di questo problema. Giusto sarebbe stato scrivere il "perchè", nessuno credo avrebbe trasgredito conoscendo i motivi veri del divieto. Infatti ne sono morti tanti negli anni e nessuno sapeva il perchè. Un saluto e un abbraccio a te ^_^

    RispondiElimina
  4. Che notizia triste.L'ennesimo danno causato dall'ignoranza umana.

    RispondiElimina
  5. :-( Che notizia triste. Mai dar da mangiare ai cigni o alle anatre, anche sul lago di Garda ci sono questi biglietti.

    RispondiElimina
  6. Poveri cigni. Che notizia triste. Grazie per questo post, e per l'informazione che ammetto non era cosa di cui fossi al corrente.
    Sempre una cosa da sapere . . . per evitare di fare del male a questi splendidi animali ed a altri. Un saluto

    RispondiElimina
  7. Mi spiace e penso a quando, anni fa, portavamo il pane avanzato dalla colazione alle anatre di un parco di Londra vicino all'hotel. Chissà se abbiamo fatto danni ? Speriamo di no ! Erano talmente affamate !! Ciao

    RispondiElimina
  8. Care amiche anch io non lo sapevo x cui in buona fede ciò che è stato fatto è fatto non si può rimediare ma ora che siamo al corrente comportiamoci nel dovuto modo e se vedremo in parchi o laghi i cigni e loro simili qualcuno che sta facendo qst azione che fa loro male cerchiamo di spiegare che è dannoso.

    RispondiElimina

Gli amici degli animali sono i benvenuti in questo blog !
♥ Se volete lasciate la vostra “impronta” io ed i mitici pelosi ne saremmo felici e sotto il vostro commento! ♥
Per avere notifica di commento cliccate su "inviami notifiche"