martedì 4 agosto 2015

Dieci piccoli consigli per difendere i nostri amici dal caldo

Ormai siamo nel cuore dell'estate, si avvicina ferragosto e in molti - chi ancora non l'ha fatto - si apprestano a partire per le agognate ferie! 
La Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha stilato un elenco di dieci aspetti a cui prestare particolare attenzione durante il periodo estivo per essere sicuri di garantire una vacanza piacevole e rilassante anche ai nostri amici a quattro zampe! Per cui non separiamoci mai da loro, neanche durante i mesi più più caldi ma con con un occhio in più per la loro cura.
  1.  Non lasciate mai un animale incustodito in auto    Non lasciate mai un animale incustodito in auto: all'interno di una vettura la temperatura può salire in breve tempo a livelli mortali per il cane, anche se fuori l'aria è mite e anche se il finestrino viene lasciato socchiuso perché è il cane stesso, con il suo ansimare affrettato, a saturare l'aria di umidità, impedendo così la funzione di termoregolazione.
  2.  Se il cane ha un colpo di calore...    Qualora il cane fosse nelle fasi iniziali del colpo di calore potete dare un primo soccorso in attesa di correre dal veterinario. Spostate immediatamente l'animale in un ambiente fresco e ombreggiato, iniziate a raffreddare il cane mettendogli stracci bagnati con acqua a temperatura ambiente, (che piano piano andrà sostituita con acqua fresca) sopra il collo, sotto le ascelle e nella regione inguinale. Potete anche bagnare le orecchie e le zampe con spugnature di acqua fresca. Offrite al vostro cane acqua fresca ma non forzate l'acqua nella bocca. Portate l'animale dal più vicino veterinario immediatamente, poiché il semplice raffreddamento non è sufficiente a scongiurare le complicazioni collegate al colpo di calore.
  3.  Se vedete un animale rinchiuso da solo in un'auto al sole...     Se vedete un animale rinchiuso da solo in un'auto al sole, prestare attenzione ai sintomi di un eventuale colpo di calore. In tal caso, se non si interviene subito l'animale corre grave pericolo di vita: chiamate immediatamente le forze dell'ordine e un eventuale veterinario reperibile, nel frattempo cercate di creare ombra mettendo dei giornali sul parabrezza e, se possibile, gettate acqua all'interno per bagnare l'animale approfittando di un eventuale fessura del finestrino. 
  4.  Come riconoscere il colpo di calore?      Inizialmente l'animale appare a disagio, ansima eccessivamente, è irrequieto e aumenta la frequenza respiratoria e cardiaca. Il peggioramento dei sintomi porterà il cane a perdere lucidità e coordinazione; potrà barcollare e avere forte ansia oppure restare in posizione supina e non riuscire ad alzarsi. Può subentrare forte salivazione e vomito. Le mucose della bocca dapprima di un colore rosso intenso, diventano via via cianotico-bluastre a causa dell'ossigenazione insufficiente. Garantite sempre al vostro cane libero accesso all'acqua fresca 
  5. Garantite sempre al vostro cane libero accesso all'acqua fresca, in particolar modo con l'arrivo della bella stagione, e assicuratevi che gli animali che vivono all'aperto abbiano la possibilità di mettersi all'ombra in ogni momento della giornata. Evitate le passeggiate con il cane nelle ore torride preferendo il mattino o l'imbrunire e portate sempre con voi una bottiglietta di acqua e una ciotola. Evitate di far fare attività sportiva al cane nelle giornate più calde.
  6.  Proteggiamo i nostri animali dalle scottature solari.    Anche per gli animali vale il discorso delle scottature solari. In caso di necessità applicare una crema solare ad alta protezione alle estremità bianche degli animali, ad esempio la punta delle orecchie prima di farli uscire sotto il sole o prima di portarli in spiaggia. Tosare il pelo d'estate può diventare pericoloso: il pelo protegge dai raggi solari sopratutto i cani con mantello bianco e cute rosea: possono insorgere dermatiti di origine solare e scottature. Aumenta inoltre il rischio di predisposizione all'insorgenza di tumori fotosensibili. 
  7. La sabbia e l'acqua del mare possono creare irritazioni della pelle.     La sabbia e l'acqua del mare possono creare irritazioni della pelle ed infezioni batteriche: tornati a casa sempre meglio lavare bene con acqua dolce i nostri animali, controllando bene sopratutto tra i polpastrelli. 
  8. Non lasciare che il cane ingerisca sabbia!    Non lasciare che il cane ingerisca sabbia e attenzione ai "corpi estranei": nella sabbia i cani possono ritrovare bastoncini di legno, ami e lenze con l'esca che possono restare impigliati in bocca o peggio possono essere ingeriti e creare lesioni interne tanto gravi da richiedere anche interventi chirurgici di emergenza. 
  9.  Usare antiparassitari adatti alla specie e alla taglia.   Applicare preventivamente un antiparassitaqrio adatto alla specie e alla taglia (alcuni prodotti per cani possno essere letali per i gatti). Per i cani è fondamentale prevenire le punture dei flebotomi (insetti simi alle zanzare) che possono trasmettere la leishmaniosi. In commercio sono disponibili anche preparati a base di olio di Neem, potente disinfettante e antiparassitario che non presenta alcuna controindicazione anche per i soggetti più sensibili. Attenzione alle punture di insetto e alle reazioni allergiche!
  10.  Attenzione alle punture di insetto e alle reazioni allergiche: al rientro dalla passeggiata può capitare di notare un insolito gonfiore a livello del muso e delle palpebre. Il cane può manifestare prurito, rossore della pelle e vomito. Evitare che il cane possa grattarsi e ferirsi la pelle e gli occhi. Nei casi più gravi può manifestare difficoltà respiratoria. Contattare immediatamente il medico veterinario. 
 Buone vacanze a tutti! 

Ringrazio Cucce Felici sez. de L Aquila per avermi inoltrato questo interessante decalogo http://www.cuccefelici.it/


6 commenti:

  1. Ciao Fiore, grazie per questi ottimi consigli!
    Io aggiungerei ... attenzione alle spighe!!! In questo periodo tra l'erba secca qui da noi ce ne sono in abbondanza.
    Purtroppo a Larry se ne è infilata una in un orecchio, il veterinario gliel'ha tolta, ma stiamo ancora andando avanti con l'arrossamento e la mezza otite che ne è derivata ...
    Ma le spighe sono pericolose, perché possono infilarsi anche nel naso e tra le dita delle zampette!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono terribili queste spighe. :(

      Elimina
  2. Consigli utilissimi cara Fiore. I nostri amici non possono difendersi da soli, si affidano a noi. ♡♡♡ Buonanotte! :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Giusto, sempre bene esportare questi consigli al maggior numero di persone possibili ;-)

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
  5. Per tanta attenzione che facciamo per tutelare la salute dei nostri pet è sempre utile leggere queste info. Ti condivido anche su fb.
    Un caro saluto
    Elisa

    RispondiElimina

Gli amici degli animali sono i benvenuti in questo blog ! Grazie se vorrai lasciare un commento, un saluto !