venerdì 23 gennaio 2015

Green Hill condannato, una sentenza storica



"Green Hill condannato, una sentenza storica". Così la Lav, Lega anti vivisezione, commenta la decisione del Tribunale di Brescia che ha condannato per il reato di maltrattamento e di uccisione di animali i responsabili dell'allevamento di cani beagle destinati alla sperimentazione scientifica chiuso a Montichiari (Brescia) nel luglio 2012. 
Al termine del processo di primo grado sono stati condannati a un anno e sei mesi Renzo Graziosi, veterinario dell'allevamento e Ghislane Rondot, co-gestore di 'Green Hill 2001'. 
Roberto Bravi, direttore dell'allevamento, è stato condannato a 12 mesi, più le spese di risarcimento. Assolto invece Bernard Gotti, l'altro co-gestore di 'Green Hill 2001'. Inoltre sospensione dalle attività per due anni, per i condannati, e confisca dei cani.

7 commenti:

  1. Forse è poca, ma è già qualcosa...

    RispondiElimina
  2. diciamo che va bene anche se io gli avrei dato 10 anni, le torture che hanno inflitto a quei poveri animali adesso dovrebbero subirle loro.....

    RispondiElimina
  3. Intanto costituisce un precedente!

    RispondiElimina
  4. sono d accordo ci volevano pene più severe, ma intanto è una sentenza storica e spero che d ora in avanti sia anche + dura!!!

    RispondiElimina
  5. Già... speriamo che tutti mettano giudizio!

    RispondiElimina
  6. Una gran bella notizia!! Altro buon inizio anno per i nostri amici!

    RispondiElimina

Gli amici degli animali sono i benvenuti in questo blog ! Grazie se vorrai lasciare un commento, un saluto !