venerdì 28 febbraio 2014

[PC] Cerca casa: Rosina affetta da FELV massima urgenza!


Amici appello urgente e da diffondere perchè è un caso davvero da prendere a cuore! 
Rosina, questa bella gatta bianco e nera che vive a Piacenza in una colonia felina cui badano volontarie a proprie spese e di cui vi avevo scritto QUI, oltre alla sfortuna di non aver ancora trovato adozione, ora sta vivendo una situazine ancora più drammatica!
Mi scrive una volontaria: "quindici giorni fa abbiamo preso la nostra Rosina che stava molto male, l'abbiamo portata in clinica ed abbiamo iniziato le cure con la speranza che ne possa uscire. Da subito abbiamo pensato che non l'avremmo più riportata in quel postaccio e Maria (una di noi 5) ha detto che sarebbe andata a vivere con lei. Fin qua tutto bene, tutto bene fin tanto che dalla clinica ci dicono che dal test Rosina è risultata positiva alla FELV (leucemia felina), quindi Rosina non potrà più andare a vivere da Maria visto che ha altri 2 mici. Le serve una casa dove lei non possa uscire e che non ci siano altri gatti."
Quindi c'è una persona che possa aiutare Rosina? Il caso è urgente, se sta fuori Rosina morirà certamente! Massima diffusione, grazie!!!    


giovedì 20 febbraio 2014

Un libro micioso da ordinare subito !

Cari a-mici gattofili questo libro fa per voi !!!
 Passate da Silvia a leggere:    
Antologia di racconti di gatti, tutte storie vere di vita vissuta a due e quattro zampe, che sapranno divertirvi, commuovervi, allietarvi, farvi riflettere e anche scaldarvi il cuore.
Il libro costa 12 euro e, se acquistato direttamente dall' associazione "A Coda Alta", l'importo andrà completamente a sostegno dell'associazione onlus, in particolare sarà impiegato per i mici del Gattile Comunale di Ferrara (gestore dal 1 giugno 2013) e per la cura dei gatti abbandonati a carico dell'associazione.
Se siete interessati, contattate Silvia oppure scrivete a info@associazioneacodaalta.it.

martedì 18 febbraio 2014

Vi presento Mosè, 15 anni ben portati !

Ieri abbiamo festeggiato la giornata mondiale del gatto ed allora oggi voglio presentarvi un bel micio, amico del blog, non proprio giovanissimo....
   photo Mosegrave_zps3be4bb1f.jpg 
Mosè è il gatto che vive con Paola dal 1999, incrocio tra un Sacro di Birmania ed un Persiano. 
Dice di lui Paola:  "è amato più di un bambino (la capisco...) e ricambia in tutto con il suo immenso amore. Ora ha 15 anni e spero che un giorno lontano sia ad attendermi sul Ponte dell'Arcobaleno dove ci abbracceremo forte per poi giocare felici!" 

Io ti auguro che il suo nome sia di buon auspicio per vivere il più a lungo possibile! E' molto giovanile, direi che porta bene i suoi anni!

lunedì 17 febbraio 2014

Giornata mondiale del gatto

A tutti voi che avete uno o più gatti o che semplicemente amate questi felini, auguri auguri e tante coccole !!! Evviva i gatti!!! Un plauso alle volontarie di tutti i gattili o colonie feline d'Italia e del mondo! 

giovedì 13 febbraio 2014

Iniziativa Diamoci La Zampa, non solo per San Valentino!


Romantico san-valentino

La nostra MASCOTTE calzino si è innamorato e voi cari amici , che ne dite di regalare un po’ di amore ad uno dei nostri cerco casa ,anche solo con un’adozione a distanza oppure semplicemente regalando un Calzino alla persona che amate ?
Qui http://www.diamocilazampa.it/public/wp/index.php/adozioni-a-distanza/ tutte le info per un’adozione a distanza con un calzino in omaggio
Calzino è disponibile anche senza effettuare un’adozione a distanza al costo di 10 euro + spese di spedizione .

Per info scrivere  diamocilazampaonlus@gmail.com

mercoledì 12 febbraio 2014

Perchè non si ripeta ciò che è successo a Marius !


Marius, giraffa dello zoo di Copenaghen, è stata uccisa e data in pasto ai leoni per ordine del direttore della struttura.
 Diciamo basta agli abusi sugli animali e sul potere dell'uomo di decidere sulla vita di poveri animali in cattività. 
Firmiamo perchè sia fatta
 #giustiziapermarius
Leggi il testo della petizione e FIRMA / DIFFONDI ANCHE TU !!!!

domenica 9 febbraio 2014

La giraffa Marius dello zoo di Copenhagen è stata uccisa

La giraffa Marius è stata soppressa. A nulla sono valse le mobilitazioni, le migliaia di firme raccolte dagli animalisti o le offerte di adozione da parte di zoo e parchi europei. Marius, 18 mesi appena, occhi da cerbiatto, e sana costituzione, è stato ucciso oggi con un colpo di pistola alla testa. Motivazione: impedire al giovane esemplare di riprodursi nel rispetto della normativa dell’associazione degli zoo europei. 

 MARIUS: LA GIRAFFA DI COPENHAGEN UCCISA - Perché spiega L’Indipendent, lo zoo danese che ospitava Marius è parte di un programma di allevamento europeo per giraffe ed e’ vincolato da rigide regole sulla consanguineita’ che vietano la riproduzione tra ‘parenti’ allo scopo di mantenere sane le specie all’interno della struttura. Ora il corpo di Marius sarà utilizzato in parte per ricerca e in parte per sfamare i carnivori dello zoo, leoni e tigri. 

MARIUS: LA PROTESTA DI ENPA – “L’uccisione deliberata, per altro con un metodo efferato e inaccettabile della giraffa Marius nello zoo di Copenaghen, perche’ considerata in sovrannumero ed eliminata in ragione di una logica prettamente economica, rimette evidentemente in discussione, ancora una volta, il ruolo degli zoo”: e’ il commento dell’Enpa, l’Ente protezione animali, che ha scritto all’Unione Europea Zoo ed Aquari (Eaza) ed alla Cites, e interessera’ anche il Parlamento Europeo del fatto “gravissimo e inaccettabile che viola oltre che ogni logica, numerose normative”. 

BARBARIE INAUDITA – “E’ un evento di una barbarie inaudita di cui tutti devono venire a conoscenza – dice il direttore scientifico del’Enpa, Ilaria Ferri -. Invito le persone a non visitare zoo e altre strutture di cattivita’ perche’ in tal modo si rendono correi e corresponsabili di un sistema coercitivo e di violenza, che priva gli animali della loro liberta’ e che spesso ne causa la morte, come accaduto alla povera giraffa”. “In Italia in ragione delle norme previste dal codice penale tutto cio’ non sarebbe potuto accadere – conclude Ferri – ma ben sappiamo che purtroppo nelle strutture italiane molte morti di animali sono state a dir poco sospette. Su questo, l’Enpa sta indagando a veri livelli e numerose strutture, per non aver rispettato la normativa vigente sono oggetto di denunce e controlli. Ci auguriamo che la morte di Marius, tanto violenta quanto incivile, possa servire a convincere tutte le persone che ancora credono nel ruolo degli zoo: ecco la realta’ degli zoo che dobbiamo fermare e far chiudere tutti, fino all’ultimo”. (ANSA)

fonte: http://www.giornalettismo.com/archives/1347927/marius-la-giraffa-dello-zoo-di-copenhagen-e-stata-uccisa/

martedì 4 febbraio 2014

Aiutiamo le volontarie di una colonia felina di Piacenza

In attesa di capire se sarà trasferita dal ministero della Difesa al Comune, quanto costerà bonificarla, se resterà un grande parco verde come voluto dai piacentini con il referendum del 2011 oppure se resterà ancora impantanata nelle lungaggini della burocrazia italiana, l’area ex Pertite una destinazione ce l’ha già. Ed è molto nobile.
Lo spazio verde a ridosso di via Primo Maggio, infatti, è la sede di una affollata colonia felina: una dozzina di gatti vive proprio a ridosso del muro di cinta e si permette di invadere lo spazio militare attraverso un piccolo buco che sembra realizzato apposta per far passare i piccoli animali. I quali, al primo sentore di pericolo, scappano all’interno dello stabilimento militare.
Normalmente, però, i gatti si aggirano in tutta la zona e a dormire vanno in una delle cuccette che qualche anonimo amante dei mici ha preparato. Casette extra lusso, con tanto di nome sulla porta e letto soffice all’interno. Pare che siano parecchi i piacentini che hanno adottato questa colonia felina, c’è chi la rifornisce di crocchette e chi prepara un semplice pastone con pane e riso, non manca chi nella sua quotidiana passeggiata passa e si ferma per un semplice saluto.
 I gatti ringraziano. Probabilmente a loro l’idea di un parco aperto a tutti non piace, gelosi come sembrano della loro privacy.
(da "liberta.it del 20.01)


Aggiornamento del 29.01 : purtroppo il buco citato nell'articolo è stato murato...come mi ha scritto  una delle volontarie che si occupano di questi felini, " questo buco che hanno murato serviva per una loro sicurezza, come via di fuga, così adesso se scappano vanno verso la strada che è molto battuta. Poveri già sono sfortunati, e ora devono anche fare le peripezie per potersi assicurare un pasto. Che fastidio dava un buco di 15cm quano poi nella rete sulla strada ci può passare sicuramente una persona???" se volete seguire la storia QUI c'è il proseguo dell'articolo del 20.01
e proprio di oggi altro articolo (QUI) di come, chiuso il buco per i poveri gatti, si può accedere lo stesso dalla rete tagliata...

Queste premesse sono necessarie per farvi capire come le brave volontarie si occupano in situazione un pò critica di questi gatti, per lo più abbastanza selvatici. 
 Si occupano, a loro spese, del cibo, delle cure e delle sterilizzazioni soprattutto per i piccolini in modo da poterli poi dare in adozione. Per tutto questo necessitano di aiuto, non possono provvedere sempre di tasca loro, non hanno aiuti e per questo stanno raccogliendo materiale per un mercatino da svolgersi probabilmente nel prossimo mese. 
E' partita una gara di solidarietà tra di noi blogger, io ho letto da Lu e mi sono subito messa in contatto sia con una delle volontarie che con Francesca che si sta occupando di ricevere il materiale da devolvere per il mercatino.
Anch'io ho voluto aiutare come potevo e ieri ho portato uno scatolone con varie cosucce che ho lasciato a Francesca
se volete aderire anche voi con vostri manufatti o altro materiale utile per vendere al mercatino pro mici di Piacenza scrivete a Francesca: libellula50@gmail.com