mercoledì 3 settembre 2014

Cane e gatto: spesso una convivenza felice !

Sono perfettamente d'accordo con questo articolo, poichè io stessa ho come esempio i miei due pelosi (eccoli in foto) che vanno perfettamente d'accordo al punto di mangiare anche nella stessa ciotola o dormire vicini. Non sono un amore?! :-)



Il detto popolare vuole che cane e gatto non vadano affatto d’accordo. Ma nella pratica non è sempre vero, anzi, gli esempi di convivenza serena, felice e perfino di amore reciproco sono all’ordine del giorno.
Per aggirare gli eventuali ostacoli basta seguire alcune semplici regole.
Il cane, in natura, è abituato a vivere in branco. Per lui esistono delle precise gerarchie che, in ambiente domestico, si ripetono. Qui sarà il padrone a rappresentare il capo branco e quindi Fido accetterà di buon grado qualsiasi nuovo arrivato introdotto dal suo superiore. A patto che non diventi geloso. Per evitarlo, è bene usare tutto il tatto e l’affetto di cui sei capace. 
Il gatto invece, molto territoriale, accetta facilmente il cane solo se vede che i suoi spazi non sono invasi e solo se può conservare intatti alcuni luoghi strategici della casa come quello in cui dorme, la lettiera, il cibo, i suoi punti di osservazione.
Le principali difficoltà della convivenza, invece, possono arrivare quando si tratta di comunicare: il gatto e il cane parlano due lingue diverse. Il felino, per esempio, se vuole dimostrare di essere ben disposto si avvicina con la coda dritta (ma non tesa) in verticale. Mentre il cane la mette nella stessa posizione quando vuole dominare e si sente spavaldo. 
Il gatto se è teso e sta cercando di scoraggiare qualsiasi approccio, muove nervosamente la coda, mentre il cane felice la agita per motivi opposti: per dimostrare affezione e felicità. Inoltre, il gatto davvero arrabbiato abbassa le orecchie all’indietro mentre il cane facendo lo stesso movimento dimostra giocosità. Stessa cosa per le fusa: per Fido possono risultare simili al ringhiare canino mentre per Fuffi sono un chiaro segno di affetto.
Come si superano queste incomprensioni? Semplice: i gatti e i cani sono in grado di imparare linguaggi diversi dal proprio. Lo dimostra anche il fatto che capiscano perfettamente gli umani. Similmente, imparano a comprendersi, a rispettarsi e ad amarsi reciprocamente superando ogni iniziale timore. I padroni di casa, da parte loro, possono solo cercare di facilitare le condizioni della convivenza mantenendo chiaramente la suddivisione degli spazi vitali di ognuno e cercando di non mutare le abitudini dell’animale che viveva già in casa all’arrivo del secondo. 

fonte QUI

9 commenti:

  1. Condivido anch'io in pieno questo articolo! In questa foto mi sembra di vedere la mia Marilin e il mio Charlie, si facevano compagnia nella stessa maniera era troppo bello vederli insieme...... a modo loro si comprendevano e partecipavano, quando eravamo tutti vicini alla sera a vedere la tv erano un amore ed eravamo tutti tanto felici......

    Un bacione Fiore,
    Laura

    RispondiElimina
  2. Cara Fiore, se crescono assieme, non ce copia più felice!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ho sempre avuto cani e gatti contemporaneamente e non hanno mai litigato. Ho notato che i gatti preferivano stare e persino dormire con il cane di razza piccola mentre il mio pappagallo "rompeva le scatole" :-) ai cani di taglia medio/grande che dovevano stare fermi mentre lui gli ispezionava la testa con il becco. Se si muovevano gli dava una beccatina innocua su una zampa mentre il cane quando era stufo lo allontanava con un colpetto del muso. ahah.
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  4. Ciao mia cara, mi trovi perfettamente d'accordo! Ma come son teneri! Tanti grattini e buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  5. E' vero,esistono bellissime storie di amicizia tra cani e gatti.Noi però quando avevamo la nostra maya (la bassotta) non abbiamo assistito a tutto ciò,anzi.era gelosissima dei gatti e se poteva cercava anche di scacciarli!

    RispondiElimina
  6. Anche io so di bellissime storie di amicizia tra queste due specie che la nomea invece vuole profonde rivali. Devo anche ammettere però che il mio Larry, quando in passeggiata incontriamo un micio, sclera terribilmente e faccio fatica a tenerlo... credo sia che non avendo mai avuto mici in casa, tra Larry ed i mici che incrociamo si verifichino quelle incomprensioni di cui parlano nell'articolo ...

    RispondiElimina
  7. Ciao!! Noi abbiamo avuto sempre gatti, gli atteggiamenti sono ben descritti..., abbiamo fatto il post sul gioco letterario ... http://www.pyrosepatch.blogspot.it/2014/09/tag-per-ogni-lettera-un-libro-le-nostre.html ... Grazie ancora!!! Buona giornata!!!
    Davide e Carmela

    RispondiElimina
  8. Troppo teneri i tuoi post!!! Io amo tantissimo gli animali, ti seguo assolutamente!

    Maira

    RispondiElimina
  9. ciao arrivo dall'iniziativa di Kreattiva il tuo blog è davvero molto carino e io adoro gli animali! Mi unisco volentieri ai tuoi follower, se ti va di ricambiare vieni su Acchiappaidee "Uno spazio dove le idee prendono forma, sapore, colore..." Ti aspetto! Mi trovi anche su facebook Grazie ciao

    RispondiElimina

Gli amici degli animali sono i benvenuti in questo blog !
♥ Se volete lasciate la vostra “impronta” io ed i mitici pelosi ne saremmo felici e risponderemo a tutti tramite mail a meno che non siate "no replay blogger" oppure sotto il vostro commento! ♥